Tags

Related Posts

Share This

Napoli – città obliqua

Non è piana non è verticale
è una linea che sale in collina
è una strada che parte dal mare
il percorso della città obliqua.
Scale mobili sotto la luna
diagonali e passaggi segreti
un cammino che esiste da sempre
il tesoro della città antica…
[E. Bennato]

Di Michele Del Vecchio.

Michele Del Vecchio

Sono un giovane flâneur partenopeo. Dopo aver sorriso per il “giovane”, cercate “flâneur” con Google e vi si aprirà un mondo. Ed è proprio il mondo di Napoli, filtrato con i miei occhi, che proverò a raccontarvi attraverso le mie “Promenades napolitaine”, lunghe passeggiate partenopee.
Tom Hodgkison ne” L’ozio come stile di vita” scrive “E’ come se l’umile atto di passeggiare sia diventato una scocciatura ed una noia rispetto all’uso di mezzi di trasporto più lussuosi e veloci come automobili, motociclette e scooter. Ma è nel pedone, nel giramondo, nel camminatore, nel flâneur, che si può trovare l’anima dell’ozioso. Colui che passeggia è la più elevata ed autorevole delle creature; cammina per piacere, osserva senza interferire, non ha fretta, è felice di stare in compagnia della propria mente, vaga distaccato, saggio e sereno come un dio. E’ libero.
E così io cammino per piacere, osservo senza interferire, non ho fretta, mi faccio compagnia della mia mente. Passeggiare a lungo e senza meta è un’esperienza unica, dilata il concetto spazio/temporale, ti fa soffermare ovunque ed anche il dettaglio più insignificante può assurgere a totem, a simbolismo, a metafora di vita.

A Napoli si può scendere o salire ed io, per la mia prima “Promenade napolitaine” scenderò, partendo dal mio quartiere, la collina del Vomero: l’etimologia nasce dal vomere, con cui gli abitanti del Vomero, detti “vrucculari”, coltivavano broccoli e friarielli.
Poi nel tempo, il quartiere è diventato residenziale e commerciale, ed il verde ha ceduto il posto al cemento, ultimo polmone verde La Villa Floridiana, ma questa è un’altra storia.
Si parte: scarpe comode, bottiglia d’acqua e musica nelle orecchie.
Una prima lieve discesa mi accompagna dolcemente ad un panorama mozzafiato: San Martino! Castel Sant’Elmo e la Certosa dominano la collina. Qui il tempo si ferma, la vista della città è incredibile. Prima dell’avvento dei drone, solo sovrani, monache ed uccelli potevano goderne. Da qui si percepisce quanto Napoli sia una città obliqua, come cantava Edoardo Bennato. E Napoli non può essere altrimenti; né piana, né verticale, né piatta, né diritta. Ma è obliqua e trasversale, come le sue strade ed i suoi sentieri, i suoi miti ed i suoi abitanti, i suoi umori ed i suoi amori.

veduta da San Martino

Panorama da San Martino

La visione “obliqua” della città è, da sempre, assorbita ed esautorata dal vernacolo popolare.
“Sagl ‘ncopp ‘o Vommer?” – “Scinn abbascio Napoli” sono frasi ricorrenti. Un continuo su e giù metropolitano e non riesci mai a capire se la parte è per il tutto o viceversa.

3

San Martino – scorcio
“C’è una crepa in ogni cosa.
Ed è da lì che entra la luce.”
[L. Cohen]

E’ proprio da San Martino che “scendo giù Napoli”, quasi come se il Vomero fosse un quartiere a mezz’aria, un’isola di Montecristo immaginaria, con Sant’Elmo a fare il Castello d’If ed io come il Conte di Montecristo, un po’ marinaio ed un po’ prigioniero.
Per discendere ho varie possibilità, su tutte due meravigliose scalinate: la Pedamentina ed il Petraio.
Mentre siedo sul muretto ed ammiro il Vesuvio, scavo nelle tasche e trovo una vecchia 50 lire. Testa Pedamentina, Croce Petraio. Ironia della sorte, esce proprio il Dio Vulcano che batte falce e martello.
Che Petraio sia!

 

Veduta da San Martino

San Martino – Piazzale

Da San Martino percorro Via Tito Angelini e via Annibale Caccavello per arrivare all’inizio dei Gradini del Petraio. Le piogge alluvionali vi depositavano le pietre, da questo deriva il nome Petraio.
Qui il ritmo cambia, la pendenza mi mette davanti ad una scelta: passi lunghi e tiro dritto, oppure dolce discesa a zig zag a mo’ di ubriaco. Alterno le due vie. Siamo in alto, ma ci sono i bassi (tipiche abitazioni partenopee), e come sempre a Napoli gli opposti si attraggono. Inizio ad immergermi nei suoni, nei colori, negli odori che più amo. E’ il risveglio dei sensi. E’ mattina e le massaie hanno già messo il ragù a “pappuliare”, ne sento l’aroma, ne immagino il gusto, ascolto il suono inconfondibile degli ziti spezzati a mano che dopo ci navigheranno dentro, tocco i piccoli pezzi “figli unici”, prelibati sfridi di pasta, e guardo… osservo questa perfetta prospettiva che sembra dipinta da Piero della Francesca, con le linee di fuga che conducono ineluttabilmente al mare.

Scorcio del Borgo Petraio

Gradini del Petraio

Dopo l’estasi culinaria ed il tuffo rinascimentale, riapro gli occhi e continuo il cammino. Nelle cuffie ora passa “Rotolando verso Sud” dei Negrita.
Ogni nome un uomo ed ogni uomo e’ solo 
quello che  scoprirà inseguendo le distanze dentro se 
Quante deviazioni quali direzioni e quali no? ❞

Ora sono nel pieno del borgo, bucati stesi, donne alle finestre, bambini che giocano, uomini al lavoro, saluto e vengo salutato. Non conosco i nomi, né loro il mio, ma ci “sappiamo”. L’appartenenza si respira.

6

Borgo del Petraio

Ci sono due panchine gemelle, da buon mancino decido che quella a sinistra è la mia. Una panchina è una manna dal cielo per un flâneur. Mi siedo, bevo acqua, mi rilasso e mi godo lo scorcio. Scambio quattro chiacchiere con chi passa. Sono altri giramondo come me. Ci riconosciamo perché lo sguardo non è basso e non abbiamo fretta.

 

7   8

Petraio.  Panchina                                                                 Petraio – Scorcio

Riprendo la discesa. Faccio amicizia con una gattina. La sua dimora è il vano di alloggiamento di un contatore elettrico. I mici sono dei grandi flâneur. Ciondolano lentamente, oziano al sole, guardano sornioni, sono liberi. Hanno sempre dei punti di osservazione privilegiati sulla città. Mi racconta di storie di amore, di amicizia e libertà, e di quanto gli uomini siano sciocchi a perdere tempo a discutere.
Nel gioco di sguardi vince lei e sono costretto a proseguire.

9

La gattina del Petraio

Mai avrei pensato di incontrarne un altro di contatore. Nel vano di alloggiamento il contatore non c’era, però ci trovo una cosa inaspettata: un presepe. Napoli ti sorprende sempre, e per questo ti fotte. Vive sempre in bilico tra sacro e profano ed è un allenamento quotidiano. Non so chi abbia messo lì questo presepe, conta poco.

10

 

L’insolito presepe del Petraio

La discesa del Petraio è finita. Incrocio Corso Vittorio Emanuele, la lunghissima arteria che taglia Napoli in due, dall’elegante stazione di Mergellina muovendosi sinuosa fino a Piazza Mazzini. Supero il Corso ed entro nei Quartieri Spagnoli.

La fama che hanno i Quartieri Spagnoli nell’immaginario collettivo è direttamente proporzionale alla loro bellezza. Sin dalla loro costruzione nel XVI secolo, sono stati una zona “calda” della città, a ridosso della via dello struscio, Via Toledo (già Via Roma, già via Toledo).
Un dedalo di strade, vicoli, piazze, scale, palazzi storici, chiese, edicole votive e chiostri unico al mondo. Pensi di arrivare a Baghdad e ti ritrovi nel “ventre della vacca”.

L’unico idioma spagnolo che senti parlare è quello di qualche immigrato sudamericano. Qui il cognome Vasquez, è diventato Vashchèz, con l’accento sulla è.
I palazzi sono antichi e spesso non ci sono gli ascensori. Dove non arrivano le gambe, ci arriva il “panaro”. Un tempo era in vimini, oramai se ne vedono solo quelli in plastica colorata. Vanno su e giù carichi di friarielli, puparuol ‘mbuttunat, insalate di rinforzo, braciole, mussilli, mozzarella, pizze fritte e quanto altro ben di Dio un essere umano possa immaginare. Sono gli ultimi depositari della tradizione culinaria partenopea. Dovrebbero essere inseriti d’ufficio nel Patrimonio dell’Unesco.

11

Quartieri Spagnoli. Panaro e contropanaro

Aver visto i saliscendi dei panari, mi ha scatenato una fame atavica. Scendo San Carlo alle Mortelle, poi per Vico Mondragone, proseguo per Santa Caterina da Siena, Vico Santa Teresella degli Spagnoli, Via Cedronio, Via San Mattia ed –all’improvviso- come per incanto, mi ritrovo in un angolo di Napoli che non conoscevo: Piazzetta Rosario di Palazzo!
Decido di mangiare qualcosa qui. E’ un posto alla buona, gestito da un uomo buono. La bontà di un uomo io la leggo nei suoi occhi. Faccio scegliere a lui, salsiccia al sugo e contorno di friarielli, ed era veramente buono. In questo tripudio di bontà, arricchito da un’ottima Peroni ghiacciata, mi appisolo leggermente. E’ un particolare dormiveglia, uno stato catatonico in cui riesco anche a sorridere quando sento dire: “vir lloc, ’o uaglion ha pigliat suonn!”.

12a

Piazzetta Rosario di Palazzo

La pausa pranzo/pennichella è stata fondamentale. Riprendo la discesa.
Il vicolo –per i napoletani – è da sempre un’estensione della casa: donne sedute a chiacchierare amabilmente, bimbi che giocano a pallone, uomini che guardano la partita, persone che vendono la frutta, e tante altre situazioni di vita quotidiana, quindi di volta in volta la strada assurge a ruolo di salotto, bottega, parco giochi e tanto altro. E – figlio di questi tempi – il vicolo diventa anche studio, postazione di coworking, spazio di condivisione. Possiamo dire: Quartieri 2.0.

13

Quartieri Spagnoli 2.0

Posso riprendere la discesa in cerca di un caffè. La mia prima “promenade” finisce a via Toledo.
Grazie di avermi fatto compagnia! Ci vediamo alla prossima passeggiata!