Don Antonio – ‘o solachianiello ‘e via Bonito

 

“‘O Solachianiello è nu mestiere antico ‘e Napule. Isso accunciava scarpe e chianelle sgarrupate, ma nun era ‘nu vero e proprio scarparo, pecché nun sapeva fa ‘e scarpe nove sane sane.” 
http://nap.wikipedia.org/wiki/Solachianiello
foto 1

Per noi che viviamo a via Bonito, Don Antonio e la sua bottega di ciabattino sono da sempre un’istituzione. Appena entri c’è un divano che – di volta in volta – ospita persone (e personaggi) diversi: dal portinaio all’avvocato, dalla casalinga all’operaio, dalla dottoressa al tappezziere, in molti si fermano a chiacchierare mentre lui è all’opera.

foto 2

Quando varchi quella porta, il tempo sembra cristallizzarsi: vecchi arnesi, antichi odori di pellami, le bellissime macchine da cucire “Necchi” e “Pfaff” che tanta gola fanno agli amanti del modernariato ed un caos creativo degno di un quadro di Picasso. Poi ti giri, e vedi entrare una ventenne con un outfit all’ultima moda che ha portato per una “modifica” i sandali tacco 12 che finiranno immortalati nel suo “fashion blog”

foto 4